Blog

ON LIFE: quando il mondo fisico e quello digitale si fondono

Overflow, letteralmente "oltre il flusso", in informatica è il termine per indicare un'abbondanza di informazioni, eccedente il limite della capacità di una memoria.

Credo sia la parola chiave per identificare l'epoca che stiamo vivendo, caratterizzata appunto da un overflow di informazioni.

Già qualche anno fa, uscì un articolo sulla rivista Forbes, in cui si quantificava che tra il 2013 ed il 2015, sono state prodotte più informazioni che in tutta la storia dell'umanità sino ad allora. Ed è facile immaginare come oggi quella stessa quantità di informazioni possa essere prodotta forse in un anno, o probabilmente anche in minor tempo.

Ogni giorno veniamo bombardati da centinaia di informazioni gratuite, che dopo qualche minuto abbiamo già dimenticato. In realtà, un prezzo per queste informazioni lo paghiamo, seppur involontariamente: la distrazione.

È trascorso poco tempo da quando bastava essere presenti sul web per "fare i soldi". Ed anche se qualche agenzia pubblicitaria prova a sostenere ancora questa tesi, purtroppo non basta più esserci. Quasi tutti ci sono già, e allora ecco la nuova parola magica: occorre differenziarsi!

Se tra le righe hai inteso il mio tono ironico, avrai già capito che anche questa strategia è già obsoleta.
E allora come emergere da questo mucchio informe di dati, in cui tutti si professano come i migliori, i più esperti, i più professionali e qualificati?

Una risposta possiamo trovarla alzando lo sguardo dallo schermo ed uscendo, almeno per qualche istante, dal mondo digitale. Esatto, la soluzione per emergere on line va ricercata off line, o meglio, mettendo insieme i due aspetti, per dare vita ad una nuova realtà, che mi piace chiamare ON-LIFE (per essere sinceri, non è un termine che ho cognato io; l'ho assorbito diversi mesi fa da un formatore, di cui non ricordo il nome, durante un evento on line chiamato "Webinar Lunch").

"Alexa, metti un pò di musica classica"

Eh si, la nostra quotidianità è già frutto della fusione dei due mondi. Eppure continuano ad approcciare l'universo digitale con regole diverse, più proprie del mondo della televisione.
Siamo stati infatti abituati a ricevere informazioni a senso unico: accendiamo la tv, vediamo un pezzo del tg, poi cambiamo canale, entriamo nel salotto di una trasmissione e dopo qualche minuto facciamo nuovamente zapping per guardare altri contenuti.
Allo stesso modo entriamo in un gruppo Facebook, non salutiamo, non ci presentiamo, prendiamo qualche informazione, guardiamo un pezzo di una live e poi passiamo ad altro. Chiediamo "amicizie" random, diciamo la nostra sotto il post di un perfetto sconosciuto, magari attacchiamo qualcuno e cerchiamo di far valere le nostre posizioni.

Immagine di scendere al bar sotto casa e fare la stessa cosa: un gruppo di amici sta parlando, voi arrivate, senza salutare, e dite la vostra. Una coppia sta chiaccherando, vi intromettete nella conversazione e gli fate sapere che non siete d'accordo. Infine, urlate qualche altra cosa a tutti i presenti, uscite e ve ne tornate a casa.

Nella migliore delle ipotesi verreste presi per matti!

Eppure è quello che facciamo quotidianamente, più volte al giorno, magari lamentandoci che non porta risultati alla nostra attività.

La soluzione per farci notare, uscire dal mucchio di informazioni e venire ricordati anche nel mondo digitale, è comportarci nel web con le stesse regole che siamo soliti utilizzare in analogico.

Arrivi? Chiedi permesso, presentati e saluta!
Vuoi dire la tua? Alza la mano e fallo con rispetto.
Non sei d'accordo? Capisci se il contesto ti permette di sostenerlo e poi argomenta il tuo pensiero.
Vai via? Augura un buon proseguimento e saluta!
Stringi relazioni umane. Conosci le persone che stanno dall'altra parte del monitor.
Dai prima di chiedere. Sii gentile.

ON LINE + OFF LINE = ON LIFE
Crescita Personale Mindset Imprenditoriale